1-La potenza della caldaia
dovrebbe essere adeguata alle dimensioni della casa, al numero di bagni e al numero di radiatori (se il riscaldamento avviene attraverso il caloriferi). Una caldaia troppo piccola, per esempio, non riuscirebbe a riscaldare tutta la casa; una troppo potente sarebbe, al contrario, consumerebbe più energia del necessario. In base alle stime dall’Associazione britannica che rappresenta i principali installatori di caldaie, in generale maggiore è il numero di bagni e dei radiatori presenti nell’abitazione, maggiore dovrà essere la potenza della caldaia. Per esempio:

  •  abitazione di piccole dimensioni (1-2 camere da letto) – 1 bagno - fino a 10 radiatori – una caldaia di potenza pari a 24-27Kw
  • abitazione di medie dimensioni (3-4 camere da letto) – 1-2 bagni - fino a 15 radiatori, - una caldaia di potenza pari a 28-34Kw
  • abitazione di grandi dimensioni (4 o più camere da letto) – 2 o più bagni - fino a 20 radiatori – una caldaia di potenza pari a 35-42Kw

2-Si tratta di una sostituzione?
Se sì, ci si potrebbe basare sulla potenza del modello da sostituire. Tuttavia, nel tempo le cose potrebbero essere cambiate: eravamo una giovane coppia mentre oggi siamo una famiglia o, al contrario, i nostri figli sono diventati grandi e abitano altrove, dunque ci sono camere che spesso non serve riscaldare.

3-Il nostro stile di vita
La tecnologia e la domotica rispondono ai bisogni di mondo sempre più frenetico, i cui imprevisti (anche piacevoli) si presentano con sempre maggior frequenza. Per questo con il cronotermostato Wi-Fi delle caldaie Mirai è possibile accendere, spegnere, modificare la temperatura della casa con un click tramite la APP “My Rinnai” per avere massimo comfort e bassi consumi, sempre. Clicca qui per scoprire come funziona.