case history

Come si installa la caldaia domestica a condensazione Rinnai Amami 34 Plus

img

Applicazioni:
impianti di riscaldamento e produzione ACS ad alta o bassa temperatura

img

Caratteristiche peculiari:
la caldaia condensa anche sulla produzione ACS

img Tipologia di prodotto:
caldaia murale a condensazione ad alta efficienza con recuperatore ACS

img

Tempo di installazione:
circa 20 minuti

Una murale che condensa anche nella produzione ACS

Amami 34 Plus è il modello di punta della nuova serie di caldaie a condensazione Amami o-Shima di Rinnai. Si tratta di una caldaia premiscelata a condensazione, che presta grande attenzione alla produzione ACS. Il comfort sanitario è uno dei parametri più importanti per valutare una caldaia, tutti gli apparecchi
della serie Amami pongono grande attenzione al versante della produzione ACS assicurando sempre portate elevate (21 l/ min con T=25°C per il modello 34 Plus) e conseguentemente acquisendo la classificazione di 3 stelle su 3 sul sanitario.

Il recuperatore
In particolare il modello Amami 34 Plus, possiede un recuperatore anche sul circuito della produzione ACS che le permette di condensare anche nei mesi estivi quando la funzione riscaldamento è esclusa. Grazie al recuperatore, Amami 34 Plus, emette fumi a temperature inferiori ai 30°C, a dimostrazione della grande capacità di

condensazione e riconversione del calore latente di combustione, sia che esso venga dal circuito radiante che dal sanitario.

Lo scambiatore di calore
La serie di caldaie Amami si caratterizza inoltre per lo scambiatore di calore in acciaio inox che, abbinato al bruciatore ceramico a fiamma rovesciata ad alto rendimento, presenta un'elevata efficienza (fino al 109,9% secondo la EN 677) e il massimo rating nella classificazione energetica (4 stelle). Il design dello scambiatore si caratterizza anche per il suo effetto "autopulente": le pareti di questo componente vengono infatti costantemente lambite dalla stessa condensa prodotta durante la combustione, che contribuisce a smaltire ogni residuo. Grazie a questa caratteristica è possibile preservare nel tempo l'efficienza e al contempo ridurre la manutenzione.

La gamma
Tutta la gamma Amami si contraddistingue per gli alti rendimenti (fino a 109,9% secondo la EN677) e le bassissime emissioni inquinanti (meno di 30 mg/kW). Sulla serie Amami viene montato uno speciale mantello esterno costituito da un polimero plastico (ABS) che non subisce gli effetti della corrosione, è leggero e antigraffio, e consente di agevolare le operazioni di montaggio e assistenza.

Kit di scarico e accessori
La gamma Amami è predisposta anche per l'installazione di differenti tipologie di scarico grazie al kit per innesto multiplo che contiene adattatori per scarichi coassiali 80/125 o 60/100 e per scarichi sdoppiati 80/80. Amami 34 Plus include come accessori di serie il cronotermostato ambiente e la sonda climatica esterna, offrendo così anche i principali componenti per la gestione domotica dell'impianto, con speciale attenzione al risparmio e al comfort ambiente.

Consigli per l'installatore

img

Il tecnico

Lorenzo Chiari,
dipartimento tecnico
Rinnai Italia

Il corretto funzionamento di una caldaia e la durata della sua vita sono legati innanzitutto a una buona installazione e all'approntamento ottimale dell'impianto. Per garantire che questi due parametri siano rispettati occorre che solo personale qualificato secondo la normativa vigente esegua il montaggio e che un centro assistenza autorizzato venga coinvolto nella prima accensione della macchina. L'impianto di riscaldamento dovrà essere adeguatamente trattato per eliminare residui di lavorazione e sedimentazioni, anche in funzione del sistema di diffusione utilizzato (radiatori, fan coil, radiante a pavimento, etc).

È opportuno inoltre posizionare un filtro sul ramo di ritorno per preservare il circuito interno della caldaia. L'evacuazione dell'acqua di condensa deve essere garantita dal collegamento di un collettore plastico che scarichi in un pozzetto di raccolta. Soprattutto in caso di sostituzione, ove prima fosse installata una caldaia tradizionale, bisogna prestare attenzione all'adeguamento dello scarico fumi, che deve essere compatibile con la formazione di condensa nel canale di espulsione.

In fase di montaggio è necessario controllare che la caldaia sia compatibile con il gas di utilizzo: per accertarsi di aver scelto il modello adeguato è sufficiente controllare quanto scritto sull'imballo e sulla targhetta dati, che riportano se l'apparecchio è tarato per utilizzo a metano o gpl. È sempre possibile, cambiando gli ugelli della rampa gas, passare da un tipo di gas all'altro, ma è necessario l'intervento di un centro assistenza autorizzato per effettuare la procedura e ritarare l'apparecchio.